PARCO AGRISOLARE: FOTOVOLTAICO DA 400 kWp

L’Italia si posiziona tra i principali consumatori di energia nell’Unione Europea per la produzione alimentare. I costi energetici rappresentano oltre il 20% dei costi variabili per le aziende agricole, con alcune aree produttive che registrano percentuali ancora più elevate. Per affrontare questa sfida, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) ha lanciato la misura “Parco Agrisolare” (decreto del MASAF n. 211444 del 19 aprile 2023). Questa iniziativa mira a sostenere gli investimenti nel settore agricolo e agroindustriale per la realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica solare.

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste ha emanato il bando per la seconda edizione del programma, destinato a  finanziare impianti fotovoltaici con una potenza massima di 1000 kWp. In particolare, il contributo a fondo perduto può coprire dal 30% all’80% dell’investimento, a seconda della tipologia di azienda.

La S4E System, ESCO (Energy Service Company) certificata UNI CEI 11352, ha collaborato con successo con clienti nel settore agroindustriale, assistendoli in tutte le fasi, dalla presentazione della pratica al GSE (Gestore dei Servizi Energetici), fino alla realizzazione dell’impianto.

Uno dei progetti realizzati con il contributo “Parco Agrisolare” ad esempio, è un impianto da 400 kWp, che ha coinvolto la S4E System in tutte le fasi principali, compresa l’autorizzazione, la progettazione e la richiesta del contributo a fondo perduto. Alcuni dettagli dell’impianto includono:

  • 932 moduli installati
  • Produzione annuale attesa di 550.000 kWh
  • Risparmio annuo di CO2 di 135 tonnellate
  • Importo finanziato a fondo perduto del 45%

Per farla breve, questo investimento rappresenta un’opportunità unica per le aziende agricole. Grazie alla riduzione dei costi energetici non solo si avrà un risparmio a lungo termine, ma allo stesso modo si ridurrà l’impatto ambientale, contribuendo alla riduzione delle emissioni di CO2 e alla lotta ai cambiamenti climatici.

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top